Home    Messico, case di bambù in 7 giorni

Il futuro del social housing messicano punta verso l’alto ed è rigorosamente green. Prima di tutto perché avrà sede in montagna, poi perché il progetto dello studio Comunal Taller de Arquitectura di Mexico City punta a trasformare “radicalmente” il concetto di abitazione e ha intenzione di mettere a disposizione della comunità elementi prefabbricati per costruire case di bambù in soli 7 giorni. Un progetto molto innovativo che potrebbe aprire nuove prospettive nel campo dell’edilizia sociale.

Il prototipo si trova a Cuetzalan del Progresso, una città nello stato meridionale di Puebla e in breve tempo potrebbe espandersi in tutta la regione. Il prefabbricato in bambù si estende per 60 metri quadrati ed è stato costruito dagli abitanti del luogo in meno di sette giorni. L’idea di far lavorare assieme i residenti è stato anche un modo per insegnare a loro le tecniche di montaggio in modo da diventare autosufficienti e iniziare a costruire le proprie case in autonomia senza alcun aiuto da parte dei tecnici.

I pannelli di bambù sono rivestiti di ixte, un tessuto che di solito viene utilizzato per realizzare sacchi di caffè. Inoltre la presenza di reticoli di mattoni rossi favorisce la ventilazione degli ambienti. Le capriate e le travi in bambù a vista vanno a formare un tetto monofalda, rivestito inoltre da un materiale ondulato e ruvido.

Le istituzioni e le autorità federali messicane hanno approvato questo progetto di edilizia rurale, che nei prossimi mesi riceverà sovvenzioni statali. Gli architetti che hanno dato vita al progetto sperano che questa approvazione sia la base per iniziare un dibattito pubblico che porterà all’uso di materiali e tecniche esclusivamente locali per favorire lo sviluppo dell’economia del paese, mentre il prototipo di Cuetzalan del Progresso è stato realizzato con materiali proveniente dagli Stati Uniti D’America.

Vivere nel verde di Roma sud
Case classe energetica A: caratteristiche e vantaggi
Scroll Up