Home    Case classe energetica A: caratteristiche e vantaggi

Le case in classe energetica A garantiscono maggiori risparmi economici sul riscaldamento degli ambienti, preservano le risorse del nostro pianeta e limitano l’inquinamento ambientale. Queste tre ragioni sono sufficienti per preferire l’acquisto di una casa di classe energetica A.

Succede però spesso che le persone attente al risparmio energetico e alle questioni ambientali si lascino sfuggire l’opportunità di comprare una casa di classe energetica superiore, infatti è più facile fare attenzione all’acquisto di piccoli e grandi elettrodomestici di classe energetica superiore che a quello della casa. Ma in realtà sono proprio i riscaldamenti delle case i principali fattori di inquinamento dell’ambiente.

Vediamo allora quali sono le caratteristiche di un immobile a risparmio energetico, le differenti classi di energia e perché conviene acquistare un appartamento di classe A.

Classi energetiche cosa sono?

casa classi energetiche

Le classi energetiche di un immobile determinano il consumo annuale di combustibile.

La classe di un immobile si calcola misurando la quantità di combustibile consumata all’anno per i mq di superficie riscaldata. Ovviamente più una classe energetica è elevata più la quantità di combustibile consumata risulterà bassa garantendo un notevole risparmio energetico. La classe più alta è quella A che garantisce un consumo di carburante inferiore ai 30 kWh/m2a. Dalla parte opposta troviamo la classe energetica G che oltre a consumare più di 160 kWh/m2a spesso non garantisce un corretto isolamento degli infissi e delle pareti a causa di spifferi, correnti d’aria, umidità e dispersione di calore.

SCOPRI GLI IMMOBILI DI NUOVA COSTRUZIONE CLASSE A

Vantaggi della classe energetica superiore

Classe A non è solo sinonimo di risparmio energetico e di sostenibilità, ma è anche un investimento per il futuro. Le case di classe energetica superiore infatti hanno un valore nettamente maggiore rispetto alle altre, ad esempio, la differenza di prezzo al mq tra un immobile di classe A e uno di classe E è di circa 450€ al mq che per un appartamento di 100mq sono ben 45.000 € di differenza!

In un manifesto Legambiente ha evidenziato le opportunità sulle agevolazioni fiscali e i benefici ambientali che un investimento di riqualificazione energetica o dell’acquisto di un immobile di nuova costruzione può portare al portafoglio e all’ambiente (consultalo qui).

Ma non è finito qui, i vantaggi che le classi energetiche superiori offrono si ripercuotono anche sulla qualità della vita degli inquilini dell’immobile. Una casa priva di sbalzi di temperatura, umidità, correnti d’aria è più vivibile e aiuta a vivere una vita più sana.

SCOPRI CITTÀ VERDE: APPARTAMENTI E VILLE NEL VERDE DELL’EUR

Caratteristiche di un immobile di classe A

Una volta esposti i vantaggi delle classe energetica A vediamo adesso quali sono le caratteristiche principali che permettono ad un immobile di ottenere il massimo livello di classe energetica:

  • Adeguato isolamento termico, un fattore determinante per preservare le temperature interne dell’appartamento. L’isolamento termico si ottiene mediante la coibentazione delle pareti, del tetto e degli infissi con materiali altamente isolanti, ad esempio, polistirene, sughero e lana di roccia;
  • Impianto di riscaldamento performante, indubbiamente la scelta ricade sulle caldaia a condensazione che al giorno d’oggi rappresentano la scelta con minore impatto ambientale, da abbinare magari con un impianto termico a pavimento;
  • Utilizzo di energie rinnovabili, la scelta di un impianto di supporto basato su energie rinnovabili è sicuramente un fattore da prendere in considerazione. Il fotovoltaico per l’elettricità e l’impianto solare termico sono due ottime soluzioni;
  • Scelta di materiali a basso impatto ambientale, una scelta che rispetta l’ambiente e che garantisce l’utilizzo di materiali di alta qualità.

Elementi per capire se la casa che acquisti è in classe A

Come capire se la casa che stai acquistando è in classe A? Non siamo tutti costruttori di case o ingegneri edili, per riconoscere una casa ad alta efficienza energetica occorre avere competenze tecniche e conoscere i materiali isolanti utilizzati nell’edilizia. Abbiamo raccolto alcune specifiche indispensabili per ottenere una certificazione energetica di livello A. Vediamole insieme.

1- Il rivestimento della struttura dell’edificio

Anche i meno tecnici sono a conoscenza che le mura degli edifici sono costruite in cemento armato, ma non tutti sanno che questo materiale non è isolante e permette il passaggio di due temibili nemici: il caldo d’estate e il freddo d’inverno. Per ovvie ragioni il cemento armato è indispensabile nell’edilizia, rappresenta la spina dorsale di ogni edificio. Nelle case con alta efficienza energetica il cemento armato è rivestito da materiali isolanti come: il polistirene, la guaina e le barriere al vapore.

2- Balconi coibentati

Apparentemente il balcone può sembrare un elemento esterno che influisce poco con la temperatura interna della casa, ma è vero tutt’altro. Il materiale e il rivestimento del balcone infatti sono due elementi fondamentali per migliorare l’isolamento termico degli interni. Le due parti sono unite da pareti che se non isolate scambiano tra di loro calore o freddo. Per minimizzare lo scambio di calore tra interno ed esterno i balconi devono essere ben coibentati con materiali poco permeabili all’acqua, ad esempio, XPS o vetro cellulare.

3- Ponti isolati

Per ponti si intendono tutte quelle parti della casa che risultano in contatto sia con la parte esterna che con quella interna della casa. I ponti più comuni sono gli infissi e le tapparelle che devono essere rivestiti con materiali isolanti di qualità: lastre di polistirene all’interno per evitare che d’inverno si disperda il calore del riscaldamento e all’esterno per non far passare d’estate il calore dell’aria.

4 – Caloriferi o riscaldamento a pavimento?

Per produrre calore nella stanza i termosifoni devono arrivare ad una temperatura di almeno 70°, l’impianto a pavimento necessita di ben 30° in meno. Un peso sulla bolletta che per gli impianti con caloriferi pesa il 20-30% al mese. C’è da dire però che investire in un impianto di riscaldamento a pavimento ha un costo notevole che può arrivare anche fino a 40.000€ per un appartamento di medie-grandi dimensioni. Ecco perché quando si acquista la nuova casa conviene investire nell’alta efficienza energetica.

Scroll Up