Home    Ces 2020: la smart home è funzionale e sostenibile

Il Consumer Electronics Show 2020 (Ces), la fiera della tecnologia che si svolge ogni anno a Las Vegas, ha proposto una serie di grandi novità per la casa, per trasformarla sempre più in una smart home funzionale e sostenibile. 

Una smart home con la chiave intelligente

Tra le novità più interessanti proposte nella fiera americana c’è la serratura con chiave intelligente di un’azienda francese, un prodotto che potrebbe arrivare sul mercato europeo nel giro di poco tempo. Si tratta di un dispositivo che permette all’utente di poter gestire l’ingresso nella propria abitazione in modo semplice ma allo stesso tempo sicuro. 

Il sistema utilizza la connessione Bluetooth e una chiave, che però di fatto funziona come un badge attraverso un’applicazione. E proprio questa app permette di configurare una serie di accessi con chiavi intelligenti, sia per condividerli con la propria famiglia che con degli ospiti. Ad esempio senza più scambiarsi chiavi fisiche, l’app consente di dare l’accesso a chi deve annaffiare le piante, oppure pulire la casa o ancora nei casi di affitti brevi di appartamenti per le vacanze.

Leggi anche: Bioedilizia: dalla progettazione ai materiali per case ecosostenibili

Un accesso semplice e sicuro

Questo consente poi una volta che quell’accesso non è più necessario di disattivarlo senza tante problematiche. Stessa cosa che può capitare in caso di furto o smarrimento, perché la serratura non andrà cambiata, ma solo disattiva la chiave d’accesso data a chi ha smarrito la propria chiave intelligente. 

Smart home controllo display

Le altre novità del Ces 2020

Al Ces è approdata anche un’azienda italiana di Torino, che lavora per garantire una casa confortevole grazie al controllo a distanza di luci e tapparelle attraverso lo smartphone. Il sistema permette anche di termoregolare l’abitazione, gestendo le temperature nelle singole stanze anche a seconda del momento della giornata. 

Un sistema di climatizzazione che ha anche il vantaggio di ridurre costi e consumi in ottica di sostenibilità ambientale. 

Tra le altre novità un sensore che analizza la temperatura, la luce, l’umidità e i movimenti in casa; le tecnologie per l’intrattenimento domestico dai televisori in 8k ad altoparlanti di fascia alta per migliorare l’ascolto dei prodotti audio e andare incontro alle esigenze soprattutto dei giovanissimi; e infine per l’outdoor un sistema di ombreggiamento robotizzato e autonomo alimentato ad energia solare che si muove in base allo spostamento del sole (è possibile gestirlo anche da app).

Le smart home, abitazioni con la tecnologia avanzata già installata, soprattutto case di nuova costruzione, si stima che sul mercato avranno un costo finale leggermente maggiorato (dal 3 al 5%) rispetto agli appartamenti tradizionali, ma saranno in grado di offrire agli acquirenti dei risparmi sui consumi oltre a una maggiore e migliore fruibilità di tutti i servizi domestici.

Leggi anche: Domotica BTicino: in casa vince la tecnologia

Tendenze casa: ceramiche per bagno e altri rivestimenti
Il classic blue è la tonalità del 2020: ecco come arredare la casa