Home    Fondi per l’acquisto della prima casa (2018)

Quali sono i fondi principali per l’acquisto della prima casa? Leggi l’elenco dei principali strumenti finanziari per accedere a mutui agevolati nel 2018.

Le fasce più deboli possono accedere ad agevolazioni fiscali e strumenti finanziari per l’acquisto della prima casa. Nel 2018 sono disponibili diversi fondi di solidarietà e garanzia sulla prima casa che garantiscono finanziamenti agevolati fino a 250 mila euro sul capitale investito. Di seguito vi elenchiamo le principali opportunità.

Fondo garanzia prima casa

Il Fondo garanzia prima casa rilascia la garanzia statale per usufruire di mutui fino a 250mila euro. Lo strumento finanziario gestito da Consap, la concessionaria pubblica di servizi assicurativi, permette l’accesso al credito in maniera facilitata anche a soggetti che non hanno solide garanzie finanziarie. Il fondo ricopre un massimo del 50% dell’investimento totale sull’immobile.

Fondo solidarietà mutui acquisto prima casa

Un altro fondo gestito da Consap che nel corso dell’anno corrente aiuta le famiglia che dovessero essere in difficoltà a pagare le rate del mutuo. Il fondo istituito dalla legge 244/2017 permette ai soggetti che si trovano in difficoltà a causa della perdita del posto di lavoro o di improvvisa invalidità di richiedere la sospensione delle rate.

I requisiti per accedere al fondo sono un ISEE del nucleo familiare non superiore ai 30.000 euro e ai 250.000 euro del mutuo. Grazie al Fondo di Solidarietà per i mutui per l’acquisto della prima casa è possibile saltare le rate per un totale massimo di 18 mesi divisi fino ad un massimo di due periodi distinti. Durante la sospensione del pagamento delle rate il fondo paga per intero gli interessi alle banche, successivamente il proprietario della casa pagherà il capitale allungando la rata del mutuo.

È importante da ricordare che l’Abi ha prorogato fino al prossimo 31 luglio l’accordo con le associazioni dei consumatori sulla sospensione della sola quota capitale dei finanziamenti concessi alle famiglie per l’acquisto di un’abitazione o dei crediti al consumo.

Leasing Immobiliare residenziale

Fino al 31 dicembre 2020 il Leasing immobiliare residenziale consente di abitare una casa dal momento della sottoscrizione del contratto pagando un canone, ma rinviando la decisione dell’acquisto definitivo. Chi possiede un reddito inferiore a 55.000 euro lordi annui e un’età inferiore ai 35 anni può usufruire di agevolazioni fiscali, ad esempio, la detrazione irpef del 19% sui canoni di leasing fino a 8.000 euro annui e sulla rata finale di riscatto.

Rent to buy

Il rent to buy o affitto con riscatto disciplinato dalla legge 47/2014 permette di acquistare una casa dopo averla abitata come inquilino per un minimo di sette anni. L’acquisto deve essere esercitato entro e non oltre il 10° anno dall’inizio della locazione. L’opzione di acquisto inoltre deve riguardare la prima casa, inoltre sia l’acquirente che la famiglia non devono possedere una casa con caratteristiche simili su tutto il territorio regionale. Il prezzo di vendita è fissato con un accordo tra le due parti, ma non può superare l’importo stabilito dall’impresa costruttrice e sottoscritto al Comune di pertinenza. In questo caso l’acquirente non gode di incentivi fiscali.

Open House a Città Verde: 9 giugno
Riscaldamento a Pavimento: Caratteristiche e Vantaggi
Scroll Up