Proptech, il settore immobiliare è pronto alla rivoluzione digitale

Il mondo dell’immobiliare è pronto alla rivoluzione digitale. Il Real Estate esce dalla “classica agenzia” e si sposta sull’online, offrendo ai propri clienti tanti servizi digitali e mostrando quindi la faccia più innovativa. Il proptech è un valore aggiunto per il settore immobiliare (dalla progettazione alla commercializzazione degli immobili), perché in grado di evolvere il comparto e di raggiungere più facilmente i clienti di ogni parte del mondo. Diffuso inizialmente negli Stati Uniti, ora sta conquistando anche il Regno Unito e il resto d’Europa.

Cos’è il proptech

Il termine proptech è stato coniato nel 2014 nel Regno Unito, si tratta di una parola formata dalla fusione di property (proprietà) e technology (tecnologia). Si riferisce a una serie di strumenti digitali e tecnologici che permettono la creazione di soluzioni specificatamente pensate per il settore immobiliare. Quello che c’è alla base è proprio un diverso modo di intendere e vedere il mercato edilizio, coinvolgendo tutti i soggetti interessati (costruttori, intermediari, acquirenti).

Leggi anche: Digital marketing: strategie efficaci per il settore immobiliare

Proptech: aree di pertinenze

Le società immobiliari già con la pandemia hanno dovuto fare un passo in più verso il digitale pur di non restare ferme a guardare. Ma il proptech è in grado di rinnovare il settore ancora di più agendo su: compravendita online della proprietà; analisi dei dati per il mercato; gestione degli immobili e attività di supporto; applicazione di nuove tecnologie come realtà virtuale per visitare a distanza una proprietà da acquistare. Ma i campi di interesse del proptech si possono allargare anche ad attività di investimenti definite Real Estate Fintech (una sorta di crowdfunding, la partecipazione alla realizzazione di un progetto in cambio di quote e/o appartamenti).

L’evoluzione del settore immobiliare

La pandemia ha di fatto accelerato questa necessità di evolversi del settore immobiliare, di essere più tecnologico sia per gestire le operazioni immobiliari ma anche nella costruzione di edifici smart e di nuova generazione. Tra gli strumenti utilizzati di recente dal settore ci sono anche i droni, per mappare il territorio e conoscere l’area dove si trova o dove verrà realizzato l’immobile; l’utilizzo di rendering 3D per visitare in anteprima l’edificio, l’appartamento e l’arredamento, vedendo il risultato finale ancora prima dell’inizio dei lavori.

E ancora il digital marketing per l’approccio con i clienti; e tutta una serie di iniziative tecnologiche che consentono di avviare e concludere una vendita direttamente online soprattutto con una clientela straniera e non residente nel paese. Fondamentale anche per individuare i consumatori ideali sarà l’analisi dei dati, analizzando abitudini, gusti e consumi rispettando sempre la privacy.

Leggi anche: Rendering 3D: lo strumento per progettare casa in modo realistico