Rendering 3D: lo strumento per progettare casa in modo realistico

Quando la casa è in costruzione è difficile a volte immaginarla già finita. Ci piacerebbe sapere come saranno divisi gli spazi, con quali materiali sarà meglio rifinirla e quali arredi e quale stile sarà più adatto per realizzarla proprio come nei nostri sogni. In questo caso ci vengono incontro le mille possibilità che offre il rendering 3D, ovvero un progetto di computer grafica con effetti fotorealistici in grado di mostrarci il risultato finale con grande precisione. Ed è proprio grazie a questo strumento che le moderne piattaforme di Real Estate, che commercializzano immobili, possono mostrare “come sarà la tua nuova abitazione” ancora prima che sia realizzata.

Rendering 3D per esterni

Il rendering è utilizzato da architetti, ingegneri e interior design sia per progettare in anteprima l’esterno degli edifici che l’interno dei singoli appartamenti. Un lavoro che permette, quindi, di avere una visione completa ancora prima di realizzare l’intero progetto e di andare ad apportare modifiche utili al funzionamento e all’estetica. Inoltre, mostrare i render ad un cliente permette con facilità di vedere quello che sarà il progetto finito. Non ci sarà modo di fantasticare o immaginare qualcosa che un domani potrebbe essere diverso dalla realtà e quindi deludere il cliente.

Leggi anche: Nel residenziale prevale la richiesta di qualità: case green, smart e funzionali

Rendering 3D per arredamento

Gli interior design specializzati nella progettazione di render in 3D riescono a riprodurre un’immagine realistica a tre dimensioni di come sarà realizzata la casa nei minimi dettagli. In fase di costruzione, l’abitazione può anche essere personalizzata per rispondere al meglio alle esigenze e ai gusti di chi andrà ad abitarla, coordinando colori, materiali e finiture. I render d’interni sono perfetti, quindi, per arredare virtualmente uno spazio e capire se ci piacerà abbinare quella tonalità al quel tessuto e magari dove posizionare un divano o un muretto.

I vantaggi del rendering 3D

La progettazione in 3D ha dei grandi vantaggi sia per il progettista che per il cliente: da una parte infatti agevola il lavoro del professionista e ne riduce i tempi, dall’altra si ha la possibilità di vedere in anticipo l’arredamento finito e quindi rendersi conto se piace o meno e dove si può migliorare. L’immagine di alta qualità, infatti, è in grado di differenziare anche la luce artificiale da quella naturale, e quindi aiutarci a comprendere il tipo di lampadario da utilizzare o se è necessario inserire più punti luce in una stanza. C’è anche un risparmio economico con i render, perché non si acquisteranno materiali o arredi che poi non saranno di gradimento.

Leggi anche: Digital marketing: strategie efficaci per il settore immobiliare