Home    Vendere casa senza agenzia, ecco come fare

La vendita di una casa o di un appartamento comporta un notevole dispendio di energie, tempo e denaro. Molti si affidano ad un’agenzia immobiliare sia per il lato burocratico che per la commercializzazione della casa. Al giorno d’oggi però, i privati che decidono di vendere casa senza agenzia sono in forte aumento anche grazie agli strumenti web che facilitano la commercializzazione. La compravendita tra privati però non è così semplice e va studiata a priori in modo tale che all’atto pratico risulti professionale e ben organizzata. Il prezzo minimo di vendita, info dettagliate sul quartiere e tutti i documenti necessari del caso fanno parte di un corredo di informazioni necessarie per partire con la vendita immobiliare da privati.

Le ragioni per cui si vende casa sono spesso legate alle necessità di acquistare un nuovo immobile più spazioso e funzionale. In ogni caso non è cosa semplice e va pianificata in maniera efficace anche in previsione di ciò che ne consegue: trasloco, cambio di linea telefonica, nuovo stile di vita e così via. Living d/more ha realizzato una guida con i passaggi principali che, in ordine cronologico, bisogna affrontare per vendere un immobile da privato: ecco come fare e cosa c’è da sapere.

Documenti necessari (aggiornato al 2017-2018)

Che sia una vendita tramite agenzia o da privato è bene sapere quali sono i documenti necessari da possedere prima di finalizzare la vendita. Occorre quindi preparare una documentazione precisa che in Italia è obbligatoria per legge. I documenti necessari per vendere una casa sono:

  • APE (attestazione di prestazione energetica) ;
  • Rogito di acquisto immobile (atto di compravendita);
  • Nuovo certificato di agibilità;
  • Visura ipotecaria;
  • Conformità planimetria catastale.

Fissare un prezzo

Una volta ottenuti tutti i documenti essenziali il prossimo passo è quello di fissare un prezzo sull’immobile. Questo passaggio è molto importante e delicato e determina sia la riuscita che la tempistica di vendita della casa. Determinare la cifra giusta è complicato poiché dipende da diversi fattori. Un prezzo troppo alto non susciterà interesse, uno troppo basso rischierà di insospettire i potenziali acquirenti. Se non si vuole cadere in una sopravvalutazione economica dell’immobile consigliamo di leggere questa guida su come stimare casa. Data la delicatezza della scelta è consigliato comunque affidarsi ad un esperto.

Strumenti per la vendita da privato online

fissare un prezzo compravendita privati

Molti strumenti del web non applicano commissioni sulla vendita, tutto di guadagnato!

Tramite le risorse che offre il web è possibile vendere un immobile senza dover pagare la percentuale di vendita alle agenzie. Con un po’ di fortuna è possibile riuscire a vendere casa anche velocemente nell’arco di pochi mesi. Creare un annuncio è questione di pochi minuti se si sa dove e cosa pubblicare. I principali siti che si occupano della pubblicazione di annunci immobiliari sono Subito.it, Kijiji.it e Casa.it e addirittura Facebook ma ne esistono anche molti altri tutti ben organizzati e affidabili. Villa con giardino o appartamento che sia, quando si crea un annuncio online, le foto dei locali sono essenziali per mostrare l’interno della casa. Anche il titolo dell’annuncio deve essere ben strutturato e deve contenere tutte le informazioni sull’immobile. Un buon titolo contiene le caratteristiche principali e i punti di forza dell’immobile: ad esempio, se è un bilocale, trilocale, i mq, la zona e il tipo di immobile (villa, appartamento etc.).

Altri strumenti offline

Chiaramente anche le risorse offline possono dare una mano a trovare nuovi potenziali acquirenti, infatti nonostante la carta sia meno importante rispetto ai primi anni 2000 esistono ancora delle riviste specializzate gratuite e a pagamento che permettono di pubblicare il proprio annuncio immobiliare. Restando nella commercializzazione offline è possibile fare accordi con piccoli commercianti locali per esporre il proprio annuncio ai clienti del negozio. Se il budget a disposizione è più corposo è possibile prendere in considerazione la cartellonistica, ma va preventivato il costo della realizzazione di una grafica professionale che comunichi i punti di forza dell’immobile.

Gestire la vendita e le telefonate

gestire compravendita tra privati

Strategia operativa e consigli sulla gestione della compravendita da privati.

Gestire la vendita senza ricorrere all’agenzia è un processo complicato, ma che con con un po’ di preparazione preliminare può dare grandi soddisfazioni. Prima di tutto è consigliato partire organizzati avendo tutto il necessario per gestire le telefonate. Una volta che le chiamate iniziano ad arrivare occorre preparare una lista di contatti coordinata con un’agenda con gli appuntamenti presi. Ma l’organizzazione non è tutto, per essere un buon venditore occorre avere la capacità di relazionarsi ed entrare in intimità con il proprio interlocutore, farsi sentire preparato e sicuro è la base per sapersi vendere, ecco allora che preparare delle domande tipo può essere una strategia vincente durante la vendita.

Cosa chiedere agli acquirenti

La prima telefonata è una delle parti più importante della compravendita tra privati: non bisogna solo sapere rispondere alle telefonate, ma essere intraprendenti per raccogliere informazioni importanti sul possibile acquirente. Quali sono le domande che bisogna porre ai potenziali acquirenti? Per filtrare le chiamate e separare i curiosi dai potenziali clienti è d’obbligo preparare una lista di domande che serviranno anche a raccogliere informazioni personali per far leva sulle necessità e i bisogni del proprio interlocutore. Ecco 3 semplici domande che ti aiuteranno nell’impresa:

  • “Qual è il suo budget a disposizione?”
  • “Conosce già la zona?”
  • “È disponibile a fissare un appuntamento per visitare la casa?”

Grazie a queste 3 semplici domande che vanno infiocchettate in una conversazione più ampia e dettagliata e dalle risposte ottenute e già possibile fare una prima scremature per capire quali sono gli acquirenti più interessati. Chi ha un budget a disposizione troppo basso automaticamente non è un possibile acquirente, chi non conosce la zona potrebbe essere solo un curioso dato che non si è ancora informato, mentre chi non è disponibile a fissare un appuntamento non dimostra un interesse reale per l’immobile.

Gli errori da non commettere

vendere casa senzia agenzia errori comuni

Tips sugli errori da non commettere durante la commercializzazione di un immobile.

Nonostante l’organizzazione preliminare per un privato poco esperto del settore è facile cadere in errore e rischiare di ingolfare il processo di vendita della casa. Abbiamo deciso quindi di stilare una lista degli errori più comuni che generalmente quando si vende privatamente il proprio appartamento sono facili da commettere. Ecco una risorsa utile per imparare dall’esperienza di chi ha sbagliato.

Arredamento eccessivamente personale

Quando si vende una casa completamente arredata è facile scontrarsi con i gusti differenti dell’acquirente in fatto di stile di arredamento. Una casa dallo stile vintage, industriale o eccessivamente classica potrebbe risultare troppo personale e creare un’immagine negativa degli ambienti della casa. Uno degli strumenti che ha maggiore successo in questa fase è indubbiamente l’home staging: un arredamento coerente e di forte impatto visivo è capace di valorizzare anche gli immobili meno accattivanti.

Non pianificare la compravendita

Essenziale prima di passare dalla carta all’atto pratico è una pianificazione di tutto il necessario per la vendita: documenti e informazioni sul’immobile e sul contesto immobiliare della zona. Senza avere raccolto queste informazioni è facile che le ultime battute della trattativa si trasformino in un nulla di fatto. Oltre ai documenti del venditore bisogna sincerarsi anche il compratore abbia tutto il corredo di documenti per poter procedere e finalizzare l’acquisizione dell’immobile.

Commercializzare attraverso un solo canale

Scegliere solo un canale per sponsorizzare il proprio immobile è una scelta che poco efficace. Mediante i canali off e online infatti è  possibile raggiungere un numero maggiore di potenziali acquirenti, ma anche andare ad individuare target di persone completamente differenti: sul web è più facile raggiungere un pubblico giovane, mentre attraverso le riviste di annunci è possibile raggiungere anche gli over 50 e tutta quella fetta di mercato che preferisce utilizzare le risorse cartacee.

Come valutare un immobile da vendere o acquistare
Requisiti e caratteristiche di una casa di lusso
Scroll Up